Sono una lesbica credente! Per me è ora di uscire allo scoperto per aiutare la mia chiesa ad accogliermi

info

Lettera di Rachel* pubblicata sul blog sisterfriends-together.org (Stati Uniti) il 31 marzo 2009, liberamente tradotta da Anna
.
Ho deciso che è ora di uscire allo scoperto. Non c’è un modo semplice per dire alle persone che ami che gli stai nascondendo qualcosa, quindi spero che capirete che ho dovuto procedere senza di voi.
Sono lesbica. Lo so da circa sei anni, e pian piano lo sto dicendo a pochi amici da quando avevo 18 anni.
Ho fatto un percorso abbastanza impegnativo, dando per certo che ciò avrebbe significato rimanere nubile e single per sempre, fino ad essere meno certa di cosa sia giusto o sbagliato e di quale sia il cammino su cui Dio mi sta chiamando.Non ho mai smesso di pensare (in tutta onestà) che Dio mi ami nonostante ciò. Questa è una delle poche verità di cui sono sicura.
So che le persone che stanno leggendo questa lettera hanno opinioni diverse sulla moralità e la Bibbia, e avranno opinioni diverse sul percorso che ho intrapreso.
Penso che possiamo convenire sul fatto di essere rispettosi e affettuosi gli uni verso gli altri e di mostrare rispetto nei confronti dei percorsi di ciascuno.Non ho risposte su come la mia fede e la mia sessualità possano andare d’accordo, quindi perché lo sto facendo? Innanzitutto, sono stanca delle continue energie spese per soppesare ogni frase, e censurare ogni conversazione per assicurarmi di non dire qualcosa che mi “tradisca”.
Non voglio più doverlo fare. Mi sono anche resa conto che quando sono onesta su questa cosa con le persone, mi sento più vicina a Dio. Mi importa più del mio rapporto con Dio che dei miei segreti.Lo sto facendo anche perché la vulnerabilità è importante. Quando coloro che seguono Gesù hanno troppa paura di essere onesti sulle nostre storie, allora il Regno di Dio si sminuisce.
Assodato che la controversia sulla sessualità è insita alla chiesa, non è mai stato più importante per i gay all’interno della chiesa essere onesti sul fatto che noi siamo QUI.

Dalle poche persone nella chiesa con cui ho già parlato, ho potuto capire che quando le persone sono consapevoli che ci sono gay nella chiesa che amano, e la cui fede rispettano, le cose si fanno meno bianche e nere, e le persone vengono trattate con il rispetto che meritano. Se posso contribuire a fare accadere ciò, allora ne sarei molto felice.
Per il nostro bene, sono grata che, “né morte né vita né angeli né governi né cose presenti né cose avvenire né potenze né altezza né profondità né alcun’altra creazione potrà separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù nostro Signore.”
Amerai la parte di “te” che nascondi se io solo invocherò il tuo nome? Reprimerai la paura dentro di te e non sarai mai più lo stesso? Userai la fede che hai trovato per dare una nuova forma al mondo circostante attraverso la mia vista il mio tatto il mio udito in te e tu in me?

Signore, le tue invocazioni riecheggiano quando solo tu invochi il mio nome. Fa’ che io mi volti e ti segua e non sia più lo stesso.
In Tua compagnia andrò dove mi mostreranno il Tuo amore e le Tue orme. Perciò mi sposterò e vivrò e crescerò in te e tu in me. (Musica di Will You Come and Follow me di John Bell).

.

* Questa storia personale è stata generosamente concessa al blog SisterFriendsTogether da Rachel tramite il Christian Feminist Journey. Questa è la lettera scritta da Rachel per dichiarare la propria omosessualità ai suoi amici.

.
Testo originale: Coming Out Letter

Advertisements

2 Comments Add yours

  1. Johnny ha detto:

    Bellisima lettera! davvero stupenda io non sono riuscito a liberare tanta bellezza quando ero cattolico ma solo ora che pratico il buddismo di Nichiren Daishonin e sono felice di apprendere che dal “piatto in cui mangiavo” stia uscendo tanta saggezza come in questi ultimi tempi e non mi sono mai permesso di sputare in quel piatto in cui vi mangiai… Oggi la mia “pietanza” è diversa ma come dice il maestro Daisaku Ikeda le religioni devono unire e non disunire… Un abbraggio con fierezza e felicità a tutti “gli uomini di buona volonta”!!! Johnny

  2. Pino Pasolini ha detto:

    L’amore di Dio ispira l’amore.
    Il Signore è vicino a chi lo cerca con cuore sincero.
    Camminiamo in punta di piedi davanti al mistero di “amori” diversi …..(le perversioni sono altra cosa).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...