Dalla clandestinità all’orgoglio. Trent’anni, l’una tra le braccia dell’altra

storiaArticolo di Damián L. Martino tratto da pagina12 del 22 ottobre 2010, liberamente tradotto da Franco Morelli

.
Avevano entrambe 37 anni quando fecero la scoperta dell’amore e del piacere l’una tra le braccia dell’altra. Prima di allora non osavano neppure pronunciare la parola “lesbica”. Donne sposate, con una relazione quasi familiare fra le due coppie, Norma Castillo e Ramona “Cachita” Arévalo arrivarono a sfidare, nonostante tutto, la loro educazione cattolica, le loro vergogne segrete, i loro pregiudizi.

Oggi, 30 anni dopo, dirigono il primo centro di pensionati lesbiche, gay, bisex e trans (LGBT) e aspettano che la Legge dia loro la possibilità di sposarsi.

Leggi tutto…

Annunci

One Comment Add yours

  1. Lavinia ha detto:

    Bello questo articolo intervista a Norma e Ramona e grazie a Franco che lo ha tradotto da un importante giornale argentino.Con grande spontaneità emerge la storia di un amore che si intreccia alla tragedia della dittatura fascista in Argentina negli anni 70 quando innumerevoli furono le persone scomparse,torturate,uccise tra cui il grande cantante Victor Jara.Ramona e Norma hanno rivelato il loro amore e scoperto che possono dare un aiuto concreto a gay e lesbiche della terza età.Le loro vite hanno avuto difficoltà e dolori ma a più di 60 anni queste due coraggiose sudamericane ci danno un grande e generoso esempio di speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...