Pubblicani e peccatori! Chi sono i giusti, chi gli esclusi?

libertc383c2a0 Riflessioni di Elisabetta de La Rondine di Torino
.

Mentre Gesù stava a mensa in casa di Levi l’esattore, molti pubblicani e peccatori si misero a mensa insieme con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano.
Allora i farisei dicevano ai suoi discepoli: "come mai egli mangia e beve in compagnia dei pubblicani e dei peccatori?". Avendo udito questo,Gesù disse loro:"Non sono i sani che hanno bisogno del medico,ma i malati;non sono venuto per chiamare i giusti, ma i peccatori" (Marco 2,15-17)

.

A quel tempo i pubblicani, le prostitute, i lebbrosi e molte altre categorie di persone erano considerati i peccatori per eccellenza!Persone da tenere lontane, da escludere per non essere contaminati dai loro peccati!

Nella società di oggi l’esattore non è simpatico come mestiere ma è un lavoro come un altro… forse al loro posto ci siamo noi omosessuali, al posto dei lebbrosi forse ci sono i malati di AIDS…. non molte cose sono cambiate da allora e il messaggio di Gesù suona forte e chiaro!!  "..non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori!"

Un messaggio di grande speranza per tutti noi che non facciamo parte di quella visione che la Chiesa e la società ci presenta come "esseri giusti".
In fondo siamo fortunati ad avere sempre qualcuno che ci ricorda che siamo peccatori perchè forse ci permette di essere umili, di riconoscere che abbiamo bisogno di Dio , del suo amore per essere salvati!

Anche se non credo che Gesù ci consideri peccatori perchè amiamo una persona del nostro stesso sesso!! I nostri peccati sono esattamente gli stessi di tutti gli uomini, dovuti alle nostre debolezze!!

Cristo ci invita ad essere persone capaci di sedere a tavola con chiunque, senza giudicare o escludere… semplicemente con la gioia di far festa insieme!!!

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lavinia ha detto:

    Cara Elisabetta,molto bella questa riflessione sul brano del Vangelo di S.Marco.L’amore infinito di Gesù è per tutti e trasforma le persone:Maria Maddalena è insieme a Maria e all’apostolo Giovanni sotto la croce e la prima a incontrare Cristo risorto.L’adultera viene salvata da lapidazione certa da una frase meravigliosa che solo Gesù,mentre disegna sulla sabbia,poteva pronunciare:Chi è senza peccato scagli la prima pietra.Ogni persona può riscattarsi e ritrovare la via dell’amore come il figliol prodigo che vive nel deserto morale della mancanza di amore per se stesso e gli altri,simbolizzata dalla sua estenuante condizione di servitù,e torna al padre che lo accoglie con grande gioia suscitando la gelosia del fratello virtuoso.Un abbraccio grande.

  2. Freedom ha detto:

    Un commento meraviglioso. Mi fa ricordare un episodio avvenuto al pranzo di Natale, quando un membro della mia famiglia ha criticato la presenza sull’altare, fra i ministranti, di un ragazzo che viene da una famiglia disagiata, e che “con quei capelli e i vestiti così sporchi non sta bene che stia sull’altare, perché ci vuole un certo decoro”. Una persona che va ogni domenica a Messa, proprio come quel ragazzo, come me, come tutti. Come tanti divorziati, conviventi, omosessuali, transessuali, persone uscite dal carcere, o chi vive tante altre situazioni: se dunque bastano dei capelli unti a rovinare “l’ensemble del rito”, cosa dovremmo fare?
    Troppo spesso ci dimentichiamo che la vera “pulizia” che dobbiamo portare in Chiesa è quella che abbiamo dentro, riconoscendo i nostri meriti ma anche e soprattutto i nostri limiti, e offrirli a Dio per quello che sono.

  3. Lavinia ha detto:

    Ciao Freedom,importante il tuo racconto e molto giusta la tua riflessione.Mi viene in mente che quando Federico Fellini ha girato nel film “Roma” la sfilata dei vertici della chiesa ha forse voluto proprio mostrare chi ci tiene solo alle apparenze e non alla sostanza nella chiesa cattolica.Vi sono stati santi tra i nati benestanti come S.Francesco e S.Antonio da Padova,che era di una famiglia nobile portoghese e Gesù chiamò a sè apostoli proletari come Simone,che chiamò Pietro,che era pescatore e Giovanni anche egli pescatore.Dio non guarda il censo o la classe sociale ma l’anima.

  4. Anonimo ha detto:

    ma non sapete cosa disegnai…

  5. alby ha detto:

    Per me i peccati nn sono portare la fidanzatina o l ‘amante al motel, anzi, ben venga l’amore, ma sono per esempio, chi non ci fa lavorare, chi ci licenzia, il mobbing sul lavoro, l’invidia sul lavoro e tra vicini di casa, tra amici, il mettersi in mezzo tra fidanzati per separarli o rovinare un amicizia, sono quelli i peccati, poi, anche se non si va a messa – percke magari devo curare un anziano, o semplicemente xkè preferisco stare a letto o non mi va- quello non centra un bel niente. E poi. l ‘elenco è lungo dei nuovi peccatori, ma lasciate stare gli amanti, gesù non ha mai parlato di castità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...