In Iran tra resistenza e speranza. Tre lesbiche e un trans raccontano

 

focus su l'iranArticolo di Marjorie Marcillac tratto da Tetu.com del 13 luglio 2009, liberamente tradotto da Sara S.

 

Ne Il giardino di Sheherazade (edizioni Il dito e la luna, 2006, pagine 160), tre lesbiche e una transessuale denunciano la condizione delle minoranze sessuali iraniane, protette dallo pseudonimo Vida.

Ecco la loro prima intervista dopo la rielezione di Mahmoud Ahmadinejad.

 

Leggi tutto…

Annunci

One Comment Add yours

  1. Lavinia ha detto:

    Importante questa intervista e grazie a Sara che l’ha tradotta per tutti.La giornalista francese di Tetu.com però in una domanda fa confusione tra un transessuale e una lesbica.Un transessuale nasce bambina ma spiritualmente,emotivamente si sente più tardi un ragazzo.Alcune ragazze transessuali scelgono la difficile via di cambiare sesso e aspetto,per altre è sufficiente il cambio di nome.Una lesbica nasce bambina e anche se talvolta può assumere modi o abbigliamenti che tradizionalmente e borghesemente si considerano maschili si sente una ragazza.Penso che purtroppo il percorso dei trans e delle trans sia più doloroso di quello di lesbiche e gay perché spesso ancora più incompreso dalla gente ma questo non deve impedire a questa minoranza la lotta per i diritti civili in Italia e ovunque e una vita serena e il pieno sostegno di lesbiche,gay e gayfriendly a tutti i trans e le trans.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...