Oltre il Pride. I cristiani omosessuali, un ponte per riconciliarsi con se stessi

 

riflessioniRiflessioni di Marianne Duddy-Burke tratte da dignityusa.org del 6 maggio 2009

 

Avevo programmato di dedicare questa riflessione alle celebrazioni per i quarant’anni di vita di DignityUSA (ndr l’associazione dei cattolici omosessuali degli Stati Uniti) e alle tante iniziative che ha portato avanti in questi anni.
Ma proprio quando ho acceso il computer per iniziare a scrivere, il mio telefono ha iniziato a squillare.
Mi chiamava una donna cinquantenne di una piccola città nel nord-est degli Stati Uniti che mi ha raccontato di aver fatto parte, per un anno, di Courage (organizzazione che promuovere la castità come unica possibilità di vita per le lesbiche e i gay cattolici).
Solo recentemente ha compreso che lei si meritava una vita più ricca rispetto al celibato e ad un esistenza che ha vissuto, sino ad ora, vergognandosi della sua omosessualità.

 

Leggi tutto…

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lavinia ha detto:

    Condivido le parole di Marianne.Trovo invece deliranti le associazioni che promuovono la castità per lesbiche e gay.La sessualità è una delle mille maniere di amare ed essere amati come ascoltare ed essere ascoltati,aiutare ed essere aiutati,condividere tante cose,perdonare ed essere perdonati,scherzare,ridere insieme.La sessualità lesbica è un atto di amore e di tenerezza che non nuoce ad alcuna tra donne adulte.Il poeta inglese Auden ha scritto:non c’è vita sessuale nella tomba. E non per indurre a diventare eccessivi ma per ricordarci una realtà.La cosa tragica è che i tabù verso la sessualità omosessuale hanno reso infelici milioni di persone e ancora oggi molte fedi ci vorrebbero casti per sempre.Se la castità è una scelta libera ben venga,se è un obbligo fuggitela e carpe diem.

  2. sara vinti ha detto:

    cari amici e amiche in Cristo e non-credenti,

    quand’è che le parole Gay e Lesbica verranno completamente abolite dalle menti delle persone?
    Una volta per tutte: cominciamo a chiamarci Uomini e Donne che Amano! Gesù non ha mai utilizzato nomignoli verso altre persone. Perchè continuiamo a farlo noi?
    Per carità, non è che voglio che tutti/e coloro che leggono queste parole debbano accattare ciò che dico immediatamente…
    solo, meditate gente, meditate…

    io continuerò a seminare queste parole…

    con affetto, sara vinti (una Donna che Ama!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...