Da uno Stonewall all’altro. La mia scoperta del pride

 

testimonianzaRiflessioni di Lavinia Capogna

 

Tra il 27 e 28 giugno 1969 la polizia di New York assediò un bar gay, lo Stonewall, del Greenwich Village, il quartiere di artisti e di sinistra della metropoli americana.
Da tempo arresti, schedature, percosse sono frequenti in città da parte della polizia verso gay, lesbiche, trans che non hanno compiuto nessun reato.
Gli assedi ai bar finiscono presto ma la notte del 27 giugno una giovane trans Sylvia Riveira resiste alla polizia. Le persone dentro il bar la seguono e inizia la rivolta omosessuale.

 

Leggi tutto…

Annunci

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. serena ha detto:

    sempre io

    serena, la più sfacciate di coppia

    fuking amal
    il padre delle spose
    d.e.b.s. spie in minigonna
    cuori nel deserto
    a mia madre piacciono le donne
    due ragazze innamorate
    imagine, me and you
    salvare la faccia

    sono i titoli di film reperibili su eMule.
    il primo non è un porno, amal con la M è un villaggio in svezia.

    smettiamo di piangerci sui piedi e guardiamoli.
    sono la dimostrazione che volere è potere.

    dov’è scritto che essere lesbiche voglia dire essere tristi, frustrate incomprese e con tutti i problemi del mondo ?

    siamo donne, siamo lesbiche, siamo il top. Se vogliamo possiamo fare meglio di chiunque altro.

    SVEGLIA DONNE. Sbattere (modo di dire lombardo), muovere il c….. e lavorare sodo.
    gli psicologi e gli strizza-cervelli lasciamoli da parte e diamoci da fare da sole; nessuno ci regala niente e non dobbiamo niente a nessuno.

    PROVOCAZIONE:
    ma siamo proprio sicure sicure sicure che credere nel buon Dio Creatore voglia dire necessariamente credere nella chiesa cattolica o similari ?
    reby ed io pensiamo che il buon Dio abbia un cervello decisamente più sviluppato di tutte le chiese messe insieme.

    un bacione a tutti
    reby e serena

  2. noiglob ha detto:

    Bel post.
    Oggi, però, un’altro evento è degno di essere citato, anche se meno vistoso
    http://noiglob.wordpress.com/2009/06/12/sole-nero/

    Cristian

  3. P.G. CRIS ha detto:

    Serena, io, per esempio non credo nel BUON DIO CREATORE…
    Non credo nel ‘BUON DIO’
    Non credo nel DIO, ….
    per come è stato ‘spacciato’, immagine e termine MASCHILE di un’

    ENTITA’ CHE PER SUA DEFINIZIONE DOVREBBE CONTENERE TUTT*
    QUINDI MASCHILE E FEMMINILE TANTO PER INIZIARE…

    Credo in un’ ENTITA’ INTELLIGENTE E AMOREVOLE, PROFONDAMENTE GIUSTA

    sebben condivida quello che dici nella sostanza, ti voglio però far notare che il tono ‘altera’ un po’ la bellezza di quello che vuoi dire!

    Si può esprimere il proprio parere con meno veemenza, che non suoni come ‘giudizio’ verso chi può fare solo in un altro modo…

    Voi avete la forza dell’Amore di coppia che vi sostiene, ma questo non ti deve far dimenticare che non tutte hanno avuto questo grande dono subito nella loro vita, come lo avete avuto voi, e la SOFFFERENZA e lo sconforto possono essere devastanti nel non riuscire a essere felici e subire attacchi e giudizi discriminanti, senza avere una spalla amorosa su cui …anche … piangere, all’occorenza! Un po’ di ‘compassione’, per favore!

    I percorsi per arrivare alla LUCE sono tanti e svariati, e al Mondo menomale c’è posto per tutt* !!

    Per quanto riguarda la tua idea spirituale di dio e le sue capacità condivido molto, ho detto prima cosa penso…

    Ti andrebbe di guardarti il sito di Progetto Naussa – link qui accanto, sto cercando di ‘elaborare’ un nuovo percorso di Spiritualità per donne lesbiche, … (e non solo!, visto che ho tanti amici e amiche ‘etero’ con cui condivido la vita…ma per quello ho già avviato un altro progetto, NaussAll) e costruire una RETE di DONNE LESBICHE, che vogliano approfondire un percorso spirituale ‘essenziale’, cioè:

    sulla base solamente dei VALORI estrapolabili dalla VITA DI GESU’ , evitando tutta la ‘monumentalità teologica e dogmatica’ , valori ritrovabili anche in altri percorsi ‘spirituali’.

    Motivo per cui parlo di SPIRITUALITA’ e non di religione!

    Auguro Buona Domenica a tutt*, p.g.Cris.

  4. reby serena ha detto:

    per cris e x tutte

    chido scusa e venia, essere irruente è parte di me, non volevo
    insegnare niente a nessuno ma se possibile dare delle idee. Non sono autoritaria non sono un maschiaccio, l’ultima volta che ho messo i pantaloni avevo 18anni.

    Siamo tutte e due molto femminili anche se facciamo un lavoro prevalentemente maschile; siamo ingegneri siderurgici e questo ci porta anche ad avere una mentalità pratica poco avezza alle discussioni accademiche. Nonostante ciò ci guardiamo bene dal giudiacre o dallo sparare sentenze.

    che il buon Dio Creatore in cui crediamo sia inteso come maschio o femmina, poco importa, potrbbe essere anche ermafrodita; per quanto ci riguarda resta sempre il Creatore, l’unico ed isostituibile.

    “Si può esprimere il proprio parere con meno veemenza, che non suoni come ‘giudizio’ verso chi può fare solo in un altro modo” Prova a guardare quei film di cui ho nominato i titoli, sempre film resteranno ma forse lascieranno nella mente che si può fare anche in modi diversi da quello che riteniamo unico.

    ci mancherebbe solo che nel “mondo normale” non ci sia posto per tutti, c’è posto persino per chi spara giudizi discriminanti; la mamma dell’idiozia è sempre incinta.

    non ho ancora visitato il tuo link, prometto di farlo subito ma la vita di gesù cristo non l’ha scritta lui, l’hanno scritta i padri della chiesa. come fai ad essere sicura che non l’abbiano
    “ammaestrata” secondo la loro convenienza ? Di sicuro ci sono solo i dieci comandamenti, quelli ebraici non interpretati; il resto sono solo parole di uomini fallibili. Vedasi agostino di ippona che riuscì a far scomunicare pelagio per salvaguardare i privilegi di una classe già tronfia di tutto, nel più o meno 400 dc. Il che la dice lunga anche sull’opus dei.

    dopo tutte queste parole mi re-scuso per il mio ardore e veemenza, son fatta così, sincera e diretta e lesbica. Abbiamo sbattuto molto reby ed io per avere una spalla su cui piangere e non solo.

    bacione a tutte.

  5. noiglob ha detto:

    Dal più profondo del mio cuore, un abbraccio.
    Leggervi è veramente una fresca boccata d’aria, nell’afa laziale di questa sera.
    Cristian 🙂

    P.S. Questo progetto è splendido

  6. P.G. CRIS ha detto:

    Per REBY E SERENA,

    sapessi quanto mi sono sbattuta io da sola per millenni …
    e non sono ancora riuscita ad averla al mio fianco… le cose non sono così automatiche … e, credimi, chi mi conosce sa cosa non ho fatto…!!, ma, … non si vive solo per trovare l’Anima Gemella, il più delle volte bisogna ‘curare’ altri livelli dell’Anima … e nel frattmpo si soffre della mancanza, e non ci puoi fare niente, torno a dire, godetevi quello che avete e non pensate che è solo un vostro merito, se volete un consiglio, usate umiltà verso il Destino.

    Io sono una combattente come voi, e non ho mai accettato ‘compromessi’, pagando di persona, ma godendo anche, successivamente, delle soddisfazioni raccolte dopo tanto tempo, per cui capisco il vostro parlare.

    Per quanto riguarda le cose dette o non dette da Gesù, al di là dei dettagli formali sulla sua vita, che possono essere discutibili, perché ‘manipolati’, resta il fatto che ‘come mi piace ripetere…’ : qualcuno sulla Croce ci andò e non perché fosse un delinquente!

    E non solo, ma anche quanto segue: PARLARE DI DIO COME AMORE era per l’epoca – e lo sarebbe stato anche oggi se non fosse esistito signor GESU’ veramente! – era per l’epoca un CONCETTO troppo ALTO per il livello dell’umanità, soprattutto perché SOSTENUTO DA UN UOMO! all’epoca i maschi si occupavano di ben altro … e i migliori filosofi che pure potettero avvicinarsi a simili concetti, non misero a rischio le proprie vite per predicare… a parte Socrate, che subì un giudizio e scelse … la ‘cicuta’, certo non il ‘piacevole’ sacrificio dell’inchiodamento su un legno.

    Poi, anche di più: ho avuto esperienze ‘dirette’ di mio Fratello Maggiore … ora ho deciso di pubblicarle sul mio sito e lì le trovi se ti interessa l’argomento.

    Buon proseguimento e alla prossima!!

  7. P.G. CRIS ha detto:

    Per CRISTIAN:

    potresti raccontarci qualcos’altro, oltre l’afa laziale, cosa pensi di quello che leggi, che esperienze hai a riguardo? Sei gay?
    Buona giornata.

  8. noiglob ha detto:

    Su suggerimento di P.G.CRIS

    Parto dal fatto che sono un essere umano che fa fatica a ragionare per categorie e non so bene cosa significhi la domanda “sei gay?”, perché sono un po’ ignorante e non mi sono mai soffermato sul significato della domanda.
    Io sento e trovo naturale che un uomo, sentendosi uomo, possa amare una donna o più, un uomo o più, o entrambi (stesso discorso per le donne). Inoltre sento e trovo naturale che un uomo o una donna possano non trovarsi a proprio agio con il proprio corpo e, per questo, potrebbero decidere di cambiare. Di più non so.
    Nel mio caso amo mia moglie e mi sono sentito sempre attratto da figure femminili, quindi da questo punto di vista verrei definito etero (anche se non capisco a cosa serve distinguere – questo però perché magari sono un po’ lento nel comprendere le categorizzazioni degli esseri umani e/o le loro funzioni). Inoltre, sento molto forte l’importanza del primato dei sentimenti sulla ragione (è una cosa più da femmina mi dicono), mi sento femminista quando sono giù di morale e per la parità (reintegro i maschi) quando mi sento bene. La professione che svolgo con immenso piacere è definibile come femminile secondo le vecchie categorie. Quindi magari sono gay nell’anima. Chi può dirlo? Come vi dicevo, mi sento un essere umano innamorato (e corrisposto) e la cosa mi basta per farmi vivere sereno, nonostante le difficoltà della vita.
    Categorie a parte, non c’era un motivo particolare per il mio commento né riesco a spiegarlo. Semplicemente, leggere il post, le risposte ed altre parti del blog mi ha dato una buona sensazione emotiva, effettivamente legata ad una sorta di prevalente dolcezza e sacralità, miste alla sorpresa dell’incontrare una questione della vita sulla quale non avevo ancora mai riflettuto (e quindi scoprite pure che sono totalmente senza esperienza). Tuttavia, per il mio specifico caso esperienziale (per come io esperisco), trovo che non tutto ciò che è piacevole è spiegabile, poichè nel momento in cui lo ingabbio in una spiegazione del perché mi piace ne perdo in gusto. Quindi, sulle cose buone ho imparato a non chiedermi il perché. Ergo, apparte il fatto che il blog e ciò che ho letto mi piace (e molto), non posso dirvi altro (scriverei forzature).
    Ho voluto comunicarlo forse goffamente e, di certo, impulsivamente. Tuttavia spero di non aver offeso o irritato nessuna (non era mia intenzione se così è stato).
    Visto che finalmente il sonno arriva, vi devo lasciare.
    Un caro saluto
    Cristian

    P.S. Dimenticavo: sono pure un pessimo cristiano e, quindi, la cosa mi comunica che sono un pivello su tutti i fronti di cui discutete ma mi piace imparare e conoscere. Se però il blog parla anche d’amore, e questo è un’essenza che non ammatte categorie e/o frammentazioni riduttive allora, forse, in qualcosa ho esperienza.

  9. reby serena ha detto:

    x p.g.cris

    ti scrivo su gionata perchè mi piacerebbe avere l’opinione di altre lesbiche. Spero in una larga partecipazione.

    ho visitato i tuoi siti, naussa.altervista e naussall.

    io non sapevo dell’esistenza di lesbiche franceschiniane, berlusconiane, bossiane ex craxiane o finiane, pensavo che le
    lesbiche fossero lesbiche e basta. Al momento delle elezioni ognuna è libera di fare ciò che vuole e votare anche per il sud tirol o per pinco palla se lo ritiene giusto.

    reby è bresciana io bergamasca, ti lascio immaginare da che parte stiamo. Però non abbiamo mai mischiato la nostra sessualità con la politica. Perchè le lesbiche devono essere associate necessariamente ai centri sociali, essere per forza rosse, anche se credenti e contestare qualsiasi forma di governo che non sia di sinistra ?

    le lesbiche sono donne che amano altre donne, non c’entrano con la politica; al massimo dovrebbero essere antipapiste visto che questo è il nostro vero antagonista. Le lesbiche che soffrono, che sono titubanti che hanno problemi in famiglia e con la vita di tutti i giorni, non hanno bisogno di essere indirizzate e/o indottrinate politicamente ma chiedono comprensione e consigli pratici su come realizzare i loro sogni.

    reby ed io siamo giovani ma per quel che possiamo siamo disposte a dare opinioni e raccontare come abbiamo fatto; tu che dici di sbattere da millenni sarai certo più “sgamata” ed esperta. A prescindere dalla spiritualità e dalla politica diamo qualche cosa che possa essere utile a tante donne che amano donne, donne che nella grande maggioranza non partecipano ne manifestazioni ne a centri sociali ma vivono da cani la loro sessualità.

    un grosso bacioe a te
    reby serena

  10. P.G. CRIS ha detto:

    Ho già capito dal tuo linguaggio il genere, mi dispiace, se lo avessi intuito prima non ti avrei consigliato di visitarlo, cioè di farti perdere tempo… la prossima volta sarò più prudente.

    In effetti essere ‘lesbiche’ non garantisce ‘nulla’ a livello ‘politico’.
    Siete donne ‘omosessuali’…

    ESSERE LESBICHE, PER DEFINIZIONE POLITICA ‘LESBO-FEMMINISTA’ significa anche SCHIERARSI DALLA PARTE DI DI CHI DIFENDE I NOSTRI DIRITTI O ALMENO SI SFORZA DI FARLO, di chi lo ha sempre fatto prtando avanti i valori della DEMOCRAZIA, di CHI CI ‘RICONOSCE’ E CI ACCOGLIE ….

    LA NEUTRALITA’ POLITICA NON ESISTE, per questo non ho nulla da nascondere rispetto alla mia scelta di campo, quella che STORICAMENTE HA ACCOLTO DA SEMPRE LE ISTANZE DELLA POPOLAZIONE GLBT, in Italia, in Europa e nel Mondo, REALTA’ E APPARTENENZE ‘POLITICHE’ CHE SE NON FOSSERO ESISTITE … voi non sareste state oggi libere nemmeno di parlare o pronunciarvi sull’argomento con la libertà con cui lo fate e ve ne vantate… sulla pelle di chi ha lottato anche con la vita … certo non a destra!

    Mi dispiace, ognuna è libera di pensare come crede e questo è il mio pensiero…

    LA SPIRITUALITA’ PER ME E’ ANCHE POLITICA, IMPEGNO, PRENDERE RISCHI.

    E poi vi saluto citando una frase di OBAMA degli ultimi tempi … “CON CHI NON RICONOSCE LA STORIA NON HO IL TEMPO DI PARLARE”.

  11. P.G. CRIS ha detto:

    Per CRISTIAN:

    caro Cristian, grazie per la tua risposta, molto interessante e con tanti spunti per sviluppare un dialogo profondo e proficuo.

    Se ti ho invitato a parlare era per cercare di capire chi fossi, perché qui può entrare chiunque e quando si tratta di ‘maschi’ è ben cercare di capire con chi si interloquisce, almeno il preferisco così, anche perché il mio tempo è prezioso, e qualcuno distorto è comparso qui a proposito di Saffo e a qualcuno distorto è comparso qui a proposito di Saffo e a invitarci a vedere un sito con una traduzione ‘secondo lui’ non censurata delle poesie di Saffo … sono entrata per cederci chiaro, più che altro lo sospettavo e trovo, a parte traduzioni ‘spinte’ della Saffo … accanto link su siti porno … che altro dirti… mi dispiace pure parlare di certe cose in questo spazio che sento ‘pulito’ e ‘sacro’, … però è l’amara realtà verso cui non si può chiudere un occho, ma essere sempre all’erta e non fidarsi di nessun ‘complimento’…

    Con te è già diverso si sente dai tuoi pensieri e le tue elaborazioni.

    Ti premetto che anch’io detesto le ‘categorie’ … ma nel mondo in cui viviamo, fatto di organismi ‘distinti’, dagli elementi, alle pietre, agli animali, alle cose e persone, … NOMINARE E’ DIVENTATO IMPRESCINDIBILE, nominare le differenze e tutti i fenomeni esistenti…

    Allora ci tocca chiedere per capire la collocazione, la fisionomia psicologica e quant’altro…

  12. P.G. CRIS ha detto:

    IO MI SENTO UN’ANIMA PURE INDISTINTA IN UN CORPO, … però riconosco di vedere un corpo di donna che ho ‘voluto accettare’, perché da piccola mi sentivo un ‘maschietto’ …, e con attrazione ‘erotica’ verso le donne.

    MI FA MOLTO PIACERE CHE UN UOMO-ETERO abbia la SANA CURIOSITA’ di conoscere un mondo da lui stesso differente, nessuno mette né vuole mettere in discussione la tua natura.

    Tu sei quello che sei ed è molto bello quello che dici: grande apertura mentale, che deriva dal TUO CUORE, dal fatto che per te la cosa più importante è L’AMORE, ovviamente qui inteso suppongo come sentimento di solidarietà e fratellanza-sorellanza universale ….

    Poi in quanto a sfumature ‘polari’ ognun* di noi può essere in percentuali variabili maschile e femminile al contempo.

    Se si pensa agli studi – parli di quelli seri e documentati – sulla REINCARNAZIONE , avremmo 50% di vite in corpo maschile e il 50% in corpo femminile …

    Questo spiegherebbe tante cose …

    Cristian, è un piacere dialogare con te, affacciati, è bello che ci siamo tutte e tutti qui a partecipare…

    Questo dovrebbe essere il Mondo, un luogo dove non si dia niente per scontato e non ci sia bisogno di ‘precisare’ i ‘connotati’ …

    Un abbraccio spirituale e auguri per il tuo Amore di coppia condiviso.

    P.G.CRIS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...