Merito l’inferno perchè amo un’altra donna?

Active ImageEmail inviataci da Sara, risponde il pastore valdese Gregorio Plescan

Ci scrive Sara: “Fin da piccola ero cosciente del mio stato di diversità, ma, mai e poi mai avrei pensato agli effetti devastanti nella mia vita matura.
Cinque anni fa ho incontrato una ragazza meravigliosa che mi ha fatto perdere la testa, solo in quel caso ho avuto il coraggio e il colpo di testa di aprirmi ai miei amici e dire il mio affetto per lei.
Li è iniziato il mio incubo, parlai con un responsabile della chiesa che categoricamente mi ha sbattuto in faccia la realtà della Vangelo, “non c’è posto per gli omosessuali in cielo”…. 
Sono 5 anni che ormai vivo male, ero una ragazza solare, forte, intraprendente, molto credente e fiduciosa, ma ora sono solo molto confusa, vorrei solo che la mia vita riprendesse forma. Ma sopratutto vorrei una chiara verità su come stanno le cose… chi è DIO? e chi sono io per lui? Merito davvero l’inferno come lo meritano gli assassini, e gli stupratori?”.
Ecco come gli ha risposto il pastore valdese Gregorio Plescan.

 

Leggi tutto…

Annunci

19 commenti Aggiungi il tuo

  1. Vincenzo ha detto:

    Sara la verità la conosci, non andare dietro alla menzogna. Dio
    ama il peccatore, ma odia il peccato, perchè vuoi diventare preda dell’ avversario, il diavolo? Prega Dio che liberi la mente tua da questi pensieri. La zizzania sarà arsa con il fuoco, diventa di nuovo grano.

  2. Erik ha detto:

    Sì, se Dio ci ha voluto così deve avere avuto i suoi buoni motivi… e se ci ha dato la capacità di amare, il più grande e straordinario dei doni, è perchè questo dono non vada sprecato o spento, anzi per poter essere fruito da tutti…
    tutti sono degni di essere amati, in quanto creature di Dio…
    anche persone come me:
    sono nato pseudo-ermafrodita negli anni 60 e, come tanti altri purtroppo in quel periodo, arbitrariamente privato degli organi maschili – è più facile togliere, no? – e allevato e costretto ad agire come donna, nonostante dentro di me abbia sempre sentito la mia vera natura maschile… i medici all’epoca imponevano il segreto più totale sull’operazione, e avendo anche perso i genitori da piccolo (mia madre è morta quando avevo solo 1 anno e mezzo, mio padre è sparito poco dopo…), ho avuto la certezza di quel che ero solo un paio di anni fa quando, per un esame del cariotipo, sono risultato individuo di sesso maschile… la prima reazione è stata pensare al suicidio… avevo già commesso, sia pur involontariamente, errori irreparabili, cercando di uniformarmi e rassegnarmi a quello che suggeriva il mio involucro esterno e di conseguenza a quello che la società si aspettava da me…
    una donna deve sposarsi… ebbene io l’ho fatto, sia pure con il rito civile e con un uomo per cui provo affetto ma nulla più…

  3. Angelo ha detto:

    Ma se stai vivendo il paradiso, perchè pensi all’inferno? Vuoi rovinartelo? A averne due uno ora e un altro improbabile dopo.
    Il diavolo non è brutto come lo si dipinge.
    Figurati Dio! Pensi che un essere onnisciente, supermisericordioso, onnipotente ed eterno ti punirebbe perchè hai amato. Ma va la!

  4. luca ha detto:

    Platone diceva che all’inizio gli esseri umani erano uniti uno a l’altro come una palla, c’erano coppie uomini-donne, uomini-uomini e donne-donne, poi un dio dispettoso li divise e quindi, chi stava con una donna cercherà una donna e così via.
    Come si sa l’amore non conosce ragione!
    Io non sono omosessuale, ma da disabile so benissimo cosa vuol dire essere trattati come dei “diversi” e poi chi può dire cos’è la normalità?

  5. giant690 ha detto:

    Dio ama. Ama te …Ama me ….Ama tutti senza distinzioni. Vivi il tuo amore perchè è questo che Dio ci ha insegnato e ci insegna …Amare.
    In un mio post che ho intitolato “la frustrazione di essere se stessi” mi è capitato di parlare proprio di questo. L’Amore .. quello con la “A” maiuscola non può e non deve avere limiti.

  6. Renato ha detto:

    Chi è Dio?? . . . Dio è AMORE . . Armonia . . Dio è colui che ci ha donato il libero arbitrio per vivere una vita secondo amore ed armonia con tutto e tutti . . . Nessun inferno per chi dona e riceve amore . . . Dio non è pregiudizio . . La condanna , . . l’unica che conta . .è quella che sentiamo di meritare perchè facciamo qualcosa di cui doverci pentire
    Null’altro che questo . . Amore per tutto e per tutti . . .
    Dal pastore mi sarei aspettato questo . . . Le sue rassicurazioni su meritiamo o meno l’inferno non fanno che confermare la mia idea di una chiesa che crede di poter disporre dell’aldilà invece di guidare in questa vita . . per una vita solare felice aperta solidale e armoniosa . . Che peccato!!!!

  7. valentino ha detto:

    ama chi ti senti di amare,il resto non conta.

  8. Vincenzo ha detto:

    Ii peccato genera la morte. Il corpo è il tempio di Dio, non dobbiamo renderlo ricettacolo di demoni, abbiamo cura di mantenerlo puro da ogni contaminazione.

  9. Giacomo ha detto:

    Ciao Sara,

    per te ci sono una buona e una cattiva notizia:

    La cattiva è che andrai all’inferno.

    La buona è che non esiste l’inferno.

    Vivi serena

  10. Luca ha detto:

    Sara,
    Sii felice, vivi il tuo amore come deve essere vissuto.
    Non preoccuparti di Dio, se esiste ti ama, se non esiste….

    xoxo

  11. Markus ha detto:

    Come ci dici tu, sei nata lesbica, quindi non è colpa tua ( e Dio, suppongo lo sappia), è solo uno scherzo della natura…statisticamente il 4% di tutti i nati nasce omossessuale.

  12. mariangela ha detto:

    che strano leggere tanti commenti di uomini a questa lettera… come donna, come lesbica e cristiana mi fa un po rabbia questo silenzio di noi donne…

    un silenzio che credo sia gravido di tutte le paure e gli imbarazzi che spesso noi donne viviamo quando ci troviamo a discutere di certi temi lontano da i nostri gruppi, le nostre cerchi di amiche e confidenti…

    in fondo se Sara si sente così sola nel suo cammino credo sia colpa di ognuno di noi … troppo impegnata a vivere radenti i muri per accorgerci di lei…
    ha proprio ragione una mia amica noi lesbiche siamo dieci anni indietro spetto ai maschietti, viviamo ancora nelle comode catacombe che ci siamo custruite…

    A queste paure ho sacrificato già troppo, credo che sia ora che noi donne s’impari a ragionare e a dare voce alle nostre voci, se non nel mondo reale almeno in quello virtuale… orse non cambieremo il mondo ma almeno le tante Sara che ci circondano non si sentiranno più uniche, strane, diverse… che io e tante altre si sono sentite prima di noi…

  13. Lavinia ha detto:

    Cari amici,ho letto la lettera di Sara su Noemi e vorrei dirle: tutte le persone lesbiche,gay, trans, disabili, poveri, malati,con la pelle nera hanno subito discriminazione.

    ma pensa che chi discrimina e disprezza é da compatire – non perché innocente – ma perchè non sa che l’amore è la
    vita,è l’energia piú grande dell’universo,è Gesú.

    pensa che Gesù ti ama per come sei, ti ama perché sei tu e l’omosessualità non è una colpa ma una variante dell’amore.Se la chiesa la condanna, se parte della
    societá la condanna pensa che Gesú ti ama.

    Questo ti darà la forza di stare bene e di essere te stessa.

    un abbraccio Lavinia

  14. Anonimo ha detto:

    Coraggio Sara¡! Dio ti ama e molte persone ti capiranno,ti vorranno bene,ti ameranno.Abbi fede,prega e ama. Ciao Micol

  15. aria ha detto:

    la tua storia, o meglio il tuo vissuto, non è molto diverso dal mio..

    io ho vissuto nel senso di colpa, nel fastidio verso il mio stesso corpo, nel pensiero di fare qualcosa di sbagliato e immorale, nel litigio continuo tra la mia parte donna-femminile-innamorata-lesbica e la mia parte cristiana-francescana-in ricerca vocazionale…

    tutto ha risentito di questa mia crisi: il mio corpo, con una serie infinita di somatizzazioni.. la mia mente, confusa, passata dagli attacchi d’ansia all’insonnia al diosordine alimentare.. la mia fede, che ha vacillato, soffocata da tremila domande senza risposta.. la mia vita sociale.. la mia vita parrocchiale, perchè nella mia testa risuonavano le sentenze di coloro che prima mi stimavano e rispettavano come catechista, animatrice, musicista, educatrice..e poi mi disdegnarono: “sbagliato, sbagliato, non si fa, non è pulito, non è l’insegnamento di Dio.. comvertiti, lasciala, ricomincia da capo, confessati..”..

    ma grazie a Dio qualche persona GRANDE che nel cuore ha racchiuso un abbraccio forte tra fede-cristinesimo-libertà e serenità interiore mi ha aiutato.
    “AMA” mi ha detto… “SARAI GIUDICATO IN BASE A QUANTO AVRAI AMATO” ….

    Piano piano, alti e bassi…l’equilibrio interiore arriva..

    Sto nella mia Chiesa “nonostante” la Chiesa…
    L’abbraccio di Cristo è molto più grande di quello della Chiesa..

    Ciao Sara!

    Aria

  16. Giovanna d'arco ha detto:

    Certo è singolare che tanti uomini rispondano in modi così opposti ad una lettera di una lesbica credente. Chi dice in sostanza: “ma che te ne frega? tanto Dio non esiste!”; altri dicono:”Dio esiste e ti manda all’inferno.”

    In ogni caso misericordia,carità cristiana pari a zero.

    E quelli che tanto parlano di demoni mi dovrebbero spiegare come fanno tanti omosessuali a non avvertire l’avversione al sacro.Eppure,se la loro teoria fosse esatta,se i demoni cagionassero l’omosessualità,come farebbero tanti preti,suore e laici a partecipare alle messe,a confessarsi,a prendere la comunione,ecc. ???

  17. ele ha detto:

    “Sara…..svegliati è primavera”….cantava un noto cantautore de’ Roma! Le “persone”(è una parola grossa, mi rendo conto) che ti giudicano e ti prospettano l’inferno….davvero li stimi, davvero hai bisogno di loro e della loro approvazione, davvero sono cosi’ necessarie alla tua vita, al tuo essere…a TE? rifletti bene ……..Dio è con te, e tutti coloro che vogliono vedere e amare Sara. Chi è cieco non puo’ farlo….cosa te na fai di lui?
    .
    ti abbraccio
    Ele

  18. NoOneKnows ha detto:

    Ciao,
    ti dirò una cosa che mi disse il mio caro ex-parroco proprio in una situazione dura come la tua. Disse testuali parole: .
    Nono aggiungo altro, buona fortuna.

  19. salvatore ha detto:

    ciao ho letto ank io la tua e-mail
    sei una bella ragazza se nn fossi lesbica un pensiero x te lo farei sicuramente :-). cmq nella vita ci sn tnt strade ma la strada nn la scegliamo noi, qll ke sentiamo dentro ci porta ad prendere qll strada. il cuore e cm una bussola ke ci indica la strada da percorere. tu hai sentito un’emozione, un brivido o cmq qlcs x qll ragazza allora vai avanti x la tua strada ke stai facendo, cmq c’è ank lei cn te quindi nn sei sola a percorere qll strada. se no torna indietro e cambia strada. cmq nessuno puo capire qll ke provi, solo tu puoi capirlo. cmq nn sei per andare all’nferno pero neanke in paradiso. sai qnt maschi ti vojono cm fidanzata?! il mio consiglio e cambia strada e sarà tt pu facile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...