E’ anche la nostra storia! Le lesbiche e i gay nella Bibbia

riflessioni biblicheTesto del pastore Nancy Wilson della Metropolitan Community Churches di Los Angeles, edito nel 1992 e tratto da eglise.mcc., liberamente tradotto da Lucia del Gruppo Ponti Sospesi di Napoli

Molti gay e lesbiche hanno timore della Bibbia o non hanno familiarità con il suo contenuto perché pensano che la Bibbia non faccia che condannarli.
Tuttavia, anche se la Bibbia è stata scritta in un contesto culturale patriarcale ed eterosessista, il messaggio d’amore incondizionato di Dio e di Gesù Cristo si rivolge tanto ai gay e alle lesbiche che agli eterosessuali. Un approccio analitico e ragionato della Bibbia offre nuove prospettive di vita per le lesbiche, i gay, le loro famiglie e i/le loro amici/amiche.

 

Leggi tutto…

Annunci

33 commenti Aggiungi il tuo

  1. simy ha detto:

    non sono affatto d’accordo con questo documento! Ci sono scritte delle cose assurde! Oltre all’amore tra un uomo e una donna ci sono anche altre forme di amore, che però l’uomo ha dimenticato, focalizzando tutta l’attenzione sul sesso tra maschio e femmina! Nella Bibbia Ruth e Naomi erano semplicemente suocera e nuora. Quell’amore simbolicamente raffigura quello del credente per Dio! Altro che relazione omosessuale! Gionatan e Davide erano amici! Anzi, forse quello è uno degli esempi più belli di amicizia che c’è nella Parola! Qundi secondo voi tutte le coppie di amici o amiche a questo mondo sono omosessuali! Per favore…
    Paolo e Lidia erano delle guide spirituali a capo di chiese o gruppi di persone fedeli o meno. Se secondo voi Paolo e Lidia fossero stati gay allora ogni prete o pastore a capo di questi gruppi che servono per istruire spiritualmente sarebbero gay?
    Non so se vi rendete conto di come state sviando le persone dicendo queste menzogne! Se tutti questi personaggi fossero stati gay ci sarebbe stato scritto e invece no!
    Vi sbabliate a dire che la Bibbia non condanna i gay, perché invece in Romani 1: 26-28 trovo io leggo:
    Perciò, Iddio li ha abbandonati ad affetti infami; poichè anche le loro femmine hanno mutato l’uso naturale in quello che è contro a natura. E simigliantemente i maschi, lasciato l’uso naturale della femmina, si sono accesi nella loro libidine gli uni inverso gli altri, commettendo maschi con maschi la disonestà, ricevendo in loro stessi il pagamento del loro errore qual si conveniva. E, siccome non hanno fatta stima di riconoscere Iddio, così li ha Iddio abbandonati ad una mente reproba, da far le cose che non si convengono;

    Di sicuro queste persone non vanno odiate e anche io personalmente ne conosco qualcuna. Ho rispetto di loro come magari gli atei hanno rispetto di me che sono credente, ma non potete tramutare il contenuto della Bibbia in menzogna. Essa è prima di tutto legge, e nella Parola c’è scritto che gli omosessuali non fanno la volontà di Dio, ma atti non convenevoli, cioè fonicazione! Se un omosessuale cerca Dio, allora leggendo la Bibbia non potrà fare altro che accorgersi che quello scritto qui non è vero!
    Quello che state facendo è molto grave, perché state sviando le persone!

  2. Lavinia ha detto:

    Ciao,hai fatto bene a scrivere ma nessuno tenta di sviare la Bibbia.Nei Vangeli non troverai nulla contro l’omosessualità.Essere lesbiche e gay vuol dire solo che una donna si innamora di una donna e un uomo si innamora di un uomo.Poi come si vive questo sentimento dipende dal livello spirituale delle persone come per gli eterosessuali.Anche noi sappiamo dare aiuto,sostegno morale e materiale,condividere,comprendere,perdonare e il nostro unico interesse non è la sessualità che del resto anche per noi lesbiche e gay è un atto di amore e di tenerezza.Ciao,Lavinia.

  3. Simy ha detto:

    La Bibbia è un insieme di libri che si complementano a vicenda. Anche se nei Vangeli non ci fosse scritto nulla sull’omosessualità, però c’è scritto nell’epistola ai romani, che poi sono quei versetti che ho riportato più su. Anche nel primo testamento la legge condannava i rapporti tra persone di ugual sesso.
    Scusa se insisto nella mia linea di pensiero, ma questo atteggiamento è condannato dalla Parola e c’è scritto molto bene. Se le relazioni omosessuali fossero permesse, ci sarebbe stato scritto da qualche parte, ma quando si parla di relazione amorosa io leggo solo che ci può essere tra uomo e donna.
    Ciò però non significa che Dio rifiuti queste persone, ma anzi si è fatto uomo proprio per loro, ma se una di queste persone volesse ricevere Dio, allora dovrebbe abbandonare il suo peccato che in questo caso è l’omosessualità o fornicazione…

  4. Lavinia ha detto:

    Ciao Simy,conosco bene la Bibbia.Un conto sono i 4 Vangeli di Matteo,Marco,Luca e Giovanni,di cui come sai Matteo e Giovanni apostoli di Gesù,e un conto sono le Lettere di Paolo.Paolo non conobbe Gesù e scrisse anche ottime cose ma quel passo della Lettera ai Romani si può riferire a pagani di 2000 anni fa e non a tutti gli omosessuali.In più l’omosessualità NON è un peccato perché un peccato è un’azione che nuoce agli altri ma se una donna adulta ama una donna adulta non nuoce a nessuno al mondo e se un uomo adulto ama un uomo adulto non nuoce a nessuno al mondo.Non si sceglie di essere lesbiche e gay,lo si è così come Goethe aveva talento per la letteratura.Infine io penso che un cristiano ha un solo Maestro Gesù e nei Vangeli Gesù non parla mai e quindi non condanna mai l’omosessualità.

  5. Simy ha detto:

    Anche se Paolo non conobbe Gesù non fa molta differenza. Lui conobbe Dio come oggi lo può conoscere ogni credente che si dichiara convertito. Inoltre non in 2 Timoteo c’è scritto che “ogni scrittura è ispirata da Dio”. Quindi la Bibbia è tutta attendibile perché da Genesi ad Apocalisse è tutta parola di Dio ed è lui che parla.
    In questo libro si parla attraverso simbolismi vari, e per quanto storicamente possa essere vera, le parole di Paolo sono valide ancora oggi. La maggior parte delle cose scritte nella Parola sono tutte basate su fatti di millenni fa, e se ognuno quindi svalutasse quello che c’è scritto dicendo “non è riferito a me”, allora tanto varrebbe non prendere la Bibbia come metro di valutazione.
    Inoltre il peccato non mi pare sia solo un’azione che precede un danno nei confronti del prossimo, ma il peccato è la disubbidienza o la ribellione dei precetti di Dio.
    Purtroppo mi dispiace, ma se tu pensi che quelle parole di Paolo servano ad ammonire solo gli uomini di quell’epoca e io invece le vedo attuali ancora oggi, potremmo andare avanti a discutere così all’infinito. Inoltre nella legge di Mosè ( Levitico 18: 22) è citato chiaramente che ciò è abominevole. Se era vietato allora, perché ancora oggi non lo dovrebbe essere?

  6. Lavinia ha detto:

    Ciao Simy,tu hai le tue idee,io le mie.Il dialogo è sempre importante.Un caro saluto.Ciao,Lavinia.

  7. simy ha detto:

    Grazie per aver parlato con me e anche in toni civili, perché di solito quando si affrontano determinati argomenti si rischia sempre di degenerare…
    Vorrei comunque invitarti a riflettere sulla veridicità della Bibbia e sul fatto che molte delle affermazioni scritte nel post non hanno alcun fondamento biblico e rischiano di sviare molte persone e di questo Dio ne terrà conto.
    Un caro saluto anche a te!

  8. P.G. CRIS ha detto:

    SONO semplicemente ‘sconvolta’ …

    Signora Simy, lei crede agli asini che volano, se pensa che la Bibbia sia Parola di Dio …

    Io ho una spiritualità che mi ha dato la Felicità interiore, ho visto Gesù in sogno che mi ha portato con sè in Paradiso, con tutto il mio essere ‘lesbica’ … mi ha dato la Gioia, di cui nessun essere umano è capace …

    la Bibbia è Parola di Uomini e pure Maschi, signora, quelli stessi che hanno fatto ‘bruciare vive tante persone innocenti’

    si legga un po’ di Storia Vera della Chiesa e non solo le interpretazioni ad hoc dei simbolismi e quant’altro …

    In una cosa sola le dò ragione: per essere spirituale non si ha proprio bisogno di perdere tempo a ‘tradurre al Bibbia’ … però se qualcuno lo vuole fare come studio ‘storico’ sulla religione cristiana … è pure un suo diritto …

    Per me vale la Parola di Gesù e come già detto da chi mi ha preceduta, che piaccia o no alle donne ‘intransigenti’ come lei, … nel Vangelo non c’è alcuna condanna all’omosessualità, nè menzione …

    e anche se ci fosse, non mi meraviglierebbe, visto che la Chiesa Cattolica Apostolica Romana (… tutto tranne che ‘cristiana’) ai cui dettami lei tanto ciecamente si attiene, è stata capace di tanti misfatti e manipolazioni …

    Il Cristianesimo Gnostico fu messo a tacere dalla Chiesa Romana perché riportava diversamente il messaggio del Cristo… , i Catari … sterminati … ecc. ecc.

    in quanto al Vecchio Testamento … anche Gesù si espresse a sufficienza parlando della Vecchia Legge e della Sua Nuova Legge, quella Unica, dell’Amore reciproco …

    Gesù preferiva stare dalla parte delle e degli indifesi e delle e degli ‘offesi’ dalla società di persone come lei, purtroppo incapaci di comprendere cos’è un sentimento di Amore Vero, sicuramente non l’avraà mai provato nemmeno in versione ‘etero’ …

    perché l’Amore Vero apre il Cuore delle persone e fa intendere loro cose che nei libri, per quanto ritenuti ‘sacri’, non stanno scritte.

    Gesù, venendomi in sogno ed accogliendomi e dandomi il dono più grande, quello del suo Amore, mi ha ‘reso’ finalmente e difinitivamente ‘giustizia’ di tutta la cattiveria del mondo, e di persone che come lei sanno solo ‘giudicare’ … ‘citando’ e facendosi forti di una Tradizione di cui dovrebbero solo vergognarsi per quanti disastri ne è stata causa …

    Meno male che in Italia tanta gente non crede più alla Chiesa così com’è, peccato che avete buttato fango su Gesù … che non ha mai discriminato nessuna e nessuno, glielo vorrei ulteriormente ‘ricordare’, solo accolto e amato.

    C’è qualcuno a cui ha fatto la guerra: agli ipocriti e ai religiosi saccenti e dal cuore crudele !! di ogni giorno e di ogni tempo!

    *E CI LASCI IN PACE*,

    che di torture morali ne abbiamo vissute e introiettate sin dalla nascita, per scoprire poi da quali pulpiti venivano le prediche !!
    Abbiamo conosciuto … quei pulpiti, gentile signora !

  9. m. ha detto:

    Personalmente non credo che nessuno di noi che legge la Bibbia possa dire di aver compreso fino in fondo le Verità che vi sono scritte.
    Certo, è Parola ispirata da Dio, ma scritta pur sempre da uomini, che hanno vissuto nel loro tempo. Inoltre, tradotta da altri uomini (o donne, a volte, spero..) che hanno vissuto in altri loro tempi.
    Non ci si può fissare su una parola per concludere che è ASSOLUTAMENTE vera. Nè assolutamente sbagliata.
    La Bibbia, se lo vogliamo, ci parla al cuore, ed è lavoro di ricerca di ognuno di noi cercare di capire cosa vuole dire a noi, alla nostra vita.
    Però abbiamo un metro di misura che Cristo ci ha lasciato, senza che vi possa essere dubbio alcuno, ed è l’indicazione dell’Amore come unica e fondamentale “Legge”.
    Ed è alla luce di questo, che, credo, ognuno di noi dovrebbe interrogarsi sulle indicazioni che troviamo, scopriamo, intuiamo nelle parole della Bibbia.
    Le parole di Dio si incarnano nella nostra storia, nella nostra vita, se lo accettiamo, e ci danno le indicazioni su cosa sentiamo “buono”.
    Personalmente rifiuto una Bibbia che debba essere letta ed obbedita pedissequamente, quasi come un Tom Tom stradale che mi indica sempre dove girare, svoltare, per ritrovarmi a volte poi in mezzo ai campi, mentre volevo andare in città.
    La Bibbia ci serve per vivere qui ed ora la vita che abbiamo da vivere, realizzando relazioni amorose, facendo spazio all’Amore di Dio, perchè Egli possa mettere definitiva tenda tra noi.
    Se Dio avesse voluto che obbedissimo, ci avrebbe creati obbedienti, e invece Lui ci vuole liberi, perchè possiamo essere anche e soprattutto Suoi amanti. E un amante non è amante se non è libero.
    Detto questo, chiedo alla signora che parla degli omosessuali come peccatori (e le preciso che io sono una donna eterosessuale), le chiedo, alla luce dell’indicazione dell’Amore come principale metro di misura, quale sarebbe il “peccato” così terribile che farebbero gli omosessuali, e in particolare quelli che si amano anche “carnalmente”?
    Tenga presente, cara signora (e io da donna eterosessuale che ha vissuto anche nel matrimonio lo so bene) che anche tra uomo e donna certi “gesti particolari” si compiono, nel gioco amoroso. Sono tutti questi dei “peccati”?
    Ci pensi, profondamente, e si dia una risposta cristiana, se può.

  10. simy ha detto:

    Tutte le risposte sull’omosessualità penso di averle date già a Lavinia nei post precedenti.
    Purtroppo possiamo dire quello che vogliamo, ma se le nostre affermazioni provengono da una fonte diversa, potremmo andare avanti all’infinito a dire la nostra opinione.
    La Bibbia non è fatta solo di Vangeli, ma anche di altri libri, e se è penvenuta fino a noi così com’è, cioè dalla Genesi all’Apocalisse, non è un caso. Per ogni credente dovrebbe essere un metro di misura, ma se acettiamo solo una parte di essa e l’altra no, allora è ovvio, che come ogni cosa, la possiamo rigirare a nostro piacimento.
    Nei Vangeli troviamo scritto:

    Allora Gesù disse ai suoi discepoli: Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a se stesso e prenda la sua croce e mi segua. (Matteo 16: 24)

    Non possiamo mischiare quello che pensiamo noi con metà della Bibbia. O rinunciamo alle nostre opinioni oppure dipingiamo la realtà come ci vogliamo.
    Inoltre vi assicuro che non sto difendendo nessuna Chiesa. Anche l’istituzione ecclesiastica sta sviando non poche persone. Lo so benissimo che la Bibbia è stata manipolata da molte persone, infatti alcune versioni sono molto poco attendibili (come ad esempio la CEI, che ha addirittura cambiato i 10 comandamenti).
    Con questo concludo definitivamente il mio intervento su questo sito. Un caro saluto a tutti!

  11. m. ha detto:

    A differenza di lei, cara Simy, io non credo che la Bibbia sia stata manipolata. Lo sarebbe se fosse possibile una lettura unica della Bibbia, e manipolandola (nella manipolazione c’è sempre una intenzionalità, una malafede) le si facessero dire cose che non dice. Io non lo credo. Credo che siano in buona fede la maggior parte delle persone che l’hanno letta, studiata, e che ci hanno riflettuto, lei compresa.
    Sono d’accordo con lei nel constatare che se è giunta a noi come è giunta, un senso, una Volontà perchè ciò accadesse ci deve essere.
    Dubito invece, e fortemente, che sia da interpretare sempre e comunque in un modo solo, e di solito ognuno ritiene che il proprio sia il modo giusto, e che tutti gli altri siano in errore, o, peggio ancora, in “peccato”.
    Ci sono fior fiore di studiosi della Bibbia che vanno presi in dovuta considerazione. C’è anche “Associazione Biblica italiana” che, forse, qualcosa di più di me e anche di lei avrà da dire, sulla Bibbia. O no? Ed è proprio ascoltando questi che ho capito che la Bibbia è un libro vivo, che parla ai vivi, ma che i vivi di ogni tempo devono ascoltarla non come un “diktat”, ma con il cuore, cercando di cogliere ciò che ad ognuno di noi essa dice.
    E’ completamente antistorico e non tiene conto degli studi esegetici, affermare, sic et sipliciter, che le parole pronunciate 2000 anni fa hanno ESATTAMENTE lo stesso valore oggi.
    Non dimentichi che c’è anche un problema di traduzione, e non mi riferisco ad una traduzione piuttosto che ad un’altra, come se esistesse una migliore di un’altra. Tutte le traduzioni sono approssimazioni. E’ vero per la Bibbia, come per la traduzione di ogni altra opera letteraria.
    Mi dispiace che lei non abbia risposto alla mia domanda, su quale sia, secondo lei, il “peccato” specifico degli omosessuali e delle lesbiche. Mi avrebbe permesso di capire meglio il suo pensiero.

  12. P.G. CRIS ha detto:

    Mi ricongiungo all’ultima frase di chi mi ha preceduta.

    “Mi dispiace che lei non abbia risposto alla mia domanda, su quale sia, secondo lei, il “peccato” specifico degli omosessuali e delle lesbiche.”

    Per un mio breve commento:

    non ci sono risposte! … e menomale!

    Se c’è un peccato molto comune è infatti la … ‘presunzione di essere sempre dalla parte della ragione’, di detenere l’ultima nonché la prima Verità, … anche quando non si conoscono persone e situazioni …

    tanto ‘parlare’ non costa niente!

    Lesbiche e gay ‘credenti’ hanno dovuto già tanto ‘subire’ questo genere di parole e giudizi, che adesso … basta!

    O si ‘confrontano’, oppure bene che abbiano ‘conluso definitivamente’ i loro interventi qui o altrove!

    Questo è il mio ‘profondo’ sentire!

    Saluti.

  13. m. ha detto:

    Cris, non prendertela! Non è facile per noi eterosessuali capire il “vostro” mondo!
    Siamo così pieni di pregiudizi che abbiamo bisogno di umiltà e di disponibilità per capire davvero.
    Io ho avuto la fortuna di innamorarmi di un uomo che non sapevo essere omosessuale, fino a quando lui ha dovuto dirmelo, pena perdere la nostra amicizia, alla quale teneva (e tiene!) anche lui.
    Se non mi fosse accaduta questa esperienza, probabilmente non avrei mai capito davvero.
    Sono convinta che un rispettoso (da ambo le parti) incontro e reciproca conoscenza sia indispensabile per poter comprendere.
    In questo senso auguro alla amica Simy di innamorarsi anche lei di un uomo e scoprire che è gay. Lo avrà conosciuto e se ne sarà innamorata in quanto “uomo” o in quanto “gay”?
    Quando si sarà data risposta cristiana a questa domanda, potrà dire di aver capito qualcosa di più. Quando capirà che anche la persona che ama ha diritto di vivere relazioni amorose, concrete, con persone concrete, e che ciò è possibile solo se sono in armonia con il proprio desiderio, capirà, se ha il cuore aperto, che non ha senso proibirglielo, considerarlo “Peccato” solo perchè “omosessuale”.
    Nel frattempo la pazienza è una grande virtù, che ci aiuta ad attendere il tempo opportuno.

  14. P.G. CRIS ha detto:

    cara m.,

    ti ringrazio della solidarietà …

    io non me la prendo,

    il mio modo di esprimermi è solo molto …
    passionale, fa parte del mio carattere,

    soprattutto quando incontro tanta ‘presunzione’

    e non è nemmeno questione di ‘pazienza’
    ne ho più di quanta possa sembrare …
    ma certi interventi, in un luogo letto da tante donne lesbiche, che fanno già così fatica ad accettarsi …, non possono rimanere senza una risposta ‘chiara’ e ‘forte’, rispetto all’ arroganza di avere la Verità in mano …
    Arroganza possibile solo perché ci si fa forti di una tradizione, che è stata vincente con la … violenza, controversa per tanti aspetti, discutibile su tanti punti teorici, e rea di tante ‘persecuzioni’ antiche e attuali.

    Non si può tacere, ed è, a mio avviso,oltremodo importante dare testimonianza di ‘vita spirituale lesbica’ .., anche al di fuori di quei ‘canoni’ ‘cattolici’.

    Devo dire grazie a Gesù, che mi ha salvata, non dal mio ‘essere lesbica’, ma dal senso di colpa inculcato dalla tradizione cattolica !!

    Motivo per cui auspico un contatto ‘diretto’ delle persone con la dimensione divina, facendo appello prima di tutto alla propria Coscienza.

    D’altronde ho ricevuto comprensione da persone ‘etero’ anche nel caso in cui queste stesse non avevano mai avuto conoscenza ‘diretta’ di questi casi.
    Il che dimostra che non è necessario conoscere di persona questi casi per usare il Cuore il giorno in cui accade di parlarne …

    E’ solo questione di ‘ragionare’ e ‘comprendere’, usando il Cuore e non le ‘convenzioni’.
    E’ questione di rispetto e accoglienza verso le mille e infinite possibilità del Creato.
    E’ questione di avere in mente cos’è la Libertà.

    E’ questione di avere in mente un concetto quale quello del grande Socrate, l’umiltà: il “so di non sapere”, e ripartire ogni volta da quello!

    Di nuovo grazie, per la tua solidarietà, e per la tua testimonianza !

    Saluti.

  15. Delphi ha detto:

    Salve a tutti 🙂 ho letto con interesse tutti i post..
    Facendo ciò non ho potuto fare a meno di ricordare una lettera che lessi sul web, il cui argomento, non si allontana molto dal tema in questione
    Certo è scherzosa ed ironica, ma fa comunque riflettere di come alcune cose non sono certo assolute ed immutevoli, o quantomeno sono contraddittorie con tante altre che chi insegna la Bibbia vorrebbe che invece fossero tali (assolute ed immutevoli) 😉

    La dottoressa Laura Schlessinger è una famosa giornalista della radio americana; nella sua trasmissione dispensa consigli alle persone che telefonano. Qualche tempo fa, Laura ha affermato che l’Omosessualità, secondo la Bibbia (Lev.18:22) è un abominio, e non può essere tollerata in alcun caso.

    La seguente è una lettera spedita alla dott.ssa Laura SCHLESSINGER.

    Cara Dottoressa Schlessinger, le scrivo per ringraziarla del suo lavoro educativo sulle leggi del Signore. Ho imparato davvero molto dal suo programma, ed ho cercato di dividere tale conoscenza con più persone possibile. Adesso, quando qualcuno tenta di difendere lo stile di vita omosessuale, gli ricordo semplicemente che nel Levitico 18:22 si afferma che ciò è un abominio.
    Fine della discussione.

    Però, avrei bisogno di alcuni consigli da lei, a riguardo di altre leggi specifiche e come applicarle.

    Vorrei vendere mia figlia come schiava, come sancisce l’Esodo (21:7). Quale pensa sarebbe un buon prezzo di vendita?

    Quando sull’altare sacrificale accendo un fuoco e vi ardo un toro, so dalle scritture che ciò produce un piacevole profumo per il Signore (Lev.1.9). Il problema è con i miei vicini: loro, i blasfemi, sostengono che l’odore non è piacevole. Devo forse percuoterli?

    So che posso avere contatti con una donna quando non ha le mestruazioni (Lev.15: 19-24.). Il problema è come faccio a chiederle questa cosa? Molte donne s’offendono.

    Il Levitico ai versi 25:44 afferma che potrei possedere degli schiavi, sia maschi che femmine, a patto che essi siano acquistati in nazioni straniere.
    Un mio amico afferma che questo si può fare con i filippini, ma non con i francesi. Può farmi capire meglio? Perché non posso possedere schiavi francesi?

    Un mio vicino insiste per lavorare di Sabato. Esodo 35:2 dice chiaramente che dovrebbe essere messo a morte. Sono moralmente obbligato ad ucciderlo personalmente?

    Un mio amico ha la sensazione che anche se mangiare crostacei è considerato un abominio (Lev. 11:10), lo sia meno dell’omosessualità. Non sono affatto d’accordo. Può illuminarci sulla questione?

    Sempre il Levitico ai versi 21:20 afferma che non posso avvicinarmi all’altare di Dio se ho difetti di vista. Devo effettivamente ammettere che uso gli occhiali per leggere… La mia vista deve per forza essere 10 decimi o c’è qualche scappatoia alla questione?

    Molti dei miei amici maschi usano rasarsi i capelli, compresi quelli vicino alle tempie, anche se questo è espressamente vietato dalla Bibbia (Lev 19:27). In che modo devono esser messi a morte?

    Ancora nel Levitico (11:6-8) viene detto che toccare la pelle di maiale morto rende impuri. Per giocare a pallone debbo quindi indossare dei guanti?

    Mio zio possiede una fattoria. E’ andato contro Lev. 19:19, poiché ha piantato due diversi tipi di ortaggi nello stesso campo; anche sua moglie ha violato lo stesso passo, perchè usa indossare vesti di due tipi diversi di tessuto (cotone/acrilico). Non solo: mio zio bestemmia a tutto andare.
    E’ proprio necessario che mi prenda la briga di radunare tutti gli abitanti della città per lapidarli come prescrivono le scritture?
    Non potrei, più semplicemente, dargli fuoco mentre dormono, come simpaticamente consiglia Lev 20:14 per le persone che giacciono con consanguinei?

    So che Lei ha studiato approfonditamente questi argomenti, per cui sono sicuro che potrà rispondere a queste semplici domande. Nell’occasione, la ringrazio ancora per essere così solerte nel ricordare a tutti noi che la parola di Dio è eterna ed immutabile.

  16. Lavinia ha detto:

    Ciao Delphi,grazie per il tuo commento simpatico e intelligente.I discorsi di miss Laura e la lettera che hai saggiamente preso dal web mi hanno fatto pensare ai geniali film anni 70 di Woody Allen.In modo spiritoso ci hai ricordato che esiste anche un integralismo cattolico e protestante che ancora non ha capito che la fede e la ragione non sono in contrasto e che l’omofobia di alcune chiese è irrazionale e cosa ancora peggiore crea sofferenza.Un caro saluto.

  17. PM ha detto:

    Ma ci rendiamo conto delle cose dette??? Offendete Dio e la Sua Parola…c’è scritto chiaramente che gli omosessuali non entreranno nel Regno dei cieli e che saranno condannati, perchè sono uno scandalo agli occhi di Dio. NULLA DI IMPURO ENTRERA’ NEL REGNO DEI CIELI (APOCALISSE 21:27) NON SAPETE VOI CHE GLI INGIUSTI NON EREDITERANNO IL REGNO DI DIO? NON VI INGANNATE Nè FORNICATORI, Nè GLI IDOLATRI, Nè GLI ADULTERI, Nè GLI EFFEMMINATI, Nè GLI OMOSESSUALI, Nè I LADRI, Nè GLI AVARI, Nè GLI UBRIACONI, Nè GLI OLTRAGGIATORI, Nè I RAPINATORI EREDITERANNO IL REGNO DI DIO. OR TALI ERAVATE ALCUNI DI VOI, MA SIETE STATI LAVATI, SIETE STATI SANTIFICATI, GIUSTIFICATI NEL NOME DEL SIGNORE GESù E MEDIANTE LO SPIRITO DEL NOSTRO DIO (1 CORINZI 6:9, 10, 11)…Potete anche non crederci ma alla fine verrete tutti condannati…grazie a Dio che mi ha aperto gli occhi e che mi ha donato la salvezza …sapete sl inventare e strainventare assurdità sulla Bibbia perchè non avete conoscenza e soprattutto lo Spirito di Dio…Vergogna!!!!!! Schiavi di Satana!

  18. Fabio ha detto:

    Caro/a PM, da cosa nasce tutto questo astio che nutri verso l’omosessualità? La cosa ridicola è che San Paolo non può avere usato la parola “omosessuali”, perchè è stata coniata nel XIX secolo, che edizione della Bibbia stai utilizzando? Quanto ai comportamenti c.d. effeminati (con una n sola) dell’uomo o mascolini della donna, non possono essere considerati moralmente rilevanti, stante la loro involontarietà. San Paolo si riferiva presumibilmente ai comportamenti di prostituti maschi o a riti pagani osceni. E’ escluso che si riferisse alle coppie dello stesso sesso.

  19. Fabio ha detto:

    Caro/a PM, non sono d’accordo con te prima di tutto per motivi di metodo. La ricerca esegetica parte proprio dal presupposto che la Scrittura non sia affatto così chiara e non ambigua così come potrebbe sembrare. Alcuni significati sono accettati da tutti i cristiani come auto-evidenti: non uccidere, non rubare, ecc. Altri significati, come il primato petrino, l’episcopalismo, il ministero femminile, ecc. non sono accettati da tutti. I cattolici risolvono il problema attraverso la mediazione del clero e l’accentrazione del potere ermeneutico; gli ortodossi attraverso il rigore per le antiche tradizioni; i protestanti attraverso un accesso più immediato alla Bibbia e un decentramento o democratizzazione del potere ermeneutico. Tutti questi modelli hanno pro e contro. Tra i contro, le patologie del potere. Il potere è qualcosa di irremediabilmente terreno, e storicamente condizionato dalle contingenze culturali e sociali. Erano gli autori biblici immuni da questi condizionamenti? Se il potere ermeneutico non è diverso dalle altre forme di potere, ne sono immuni gli esegeti di ieri e di oggi? Io penso, da ricercatore laico, prima ancora che come credente, che esistano argomenti interpretativi molto validi per una comprensione di Levitico non fondata su pregiudizi e su distorsioni storico-culturali. Non dico che l’interpretazione che segue è certamente vera, ma credibile. E cioè, che in Levitico si condannanerebbero gli atti omosessuali di persone eterosessuali ovvero gli atti omosessuali di persone omosessuali al di fuori di una relazione riconosciuta, e comunque nulla vieterebbe la convivenza di due persone unite da amore omosessuale.

  20. esther espinoza ha detto:

    Gli omosesuali continuano a suicidarsi nonostante l”accetazione. Che cosa vorra significare?

    L’Evoluzione è omofobica; ella mira solo il suo interesse di inviare la specie nel futuro.

    I vostri studi sono tutte approssimazioni; essi sono inesatte. Sono falsità.

    Bisogna essere normali; bisogna appropiarsi del potere di Cristo e vincere la malattia dell’omosessualità.

    Le chiese che accettano l’omosessualità dentro, sono oramai in stato di chiusura o con grande difficoltà di andare avanti; i loro locali sono in vendita perchè i cristiani le desertano. Volete i locali? Avanti, io me ne vado e come me tutti! Avrete le chiese vuote di persone normali (cioè di peccatori in proceso di pentimento e di lotta continua) e l’avrete vostre ma non potrete pagare le spesa di gestione, come cronaca odierna testimonia; le avrete vostre, persone anormali (cioè, pecatori che non lottano contro la propria debilità appropiandosi della vittoria di Gesù).

    Il messaggio predicato in questa sede è parola di Satana per ingannare la gente che non verrà soddisfata la sua sete di perfezione.
    Una verità dite. Che Gesù ama gli omosessuali. Gesù ama gli omosessuali.
    Egli afferma che non spegne il lumignolo fumante. Io vedendo che il sole spunta ogno giorno pure per gli omosessuali, ringrazio il mio Signore dell’opportunità che viene elargita loro.

    L’omosessualità è un peccato. Bisogna lasciare sulle spalle di Gesù pure gli altri peccati. La superbia, ad esempio.

  21. esther espinoza ha detto:

    sodomita significa omosessuale. In quel luogo, Sodoma, l’omosessualità era divenuto un comportamento naturale che fece venire il mal di tutto a Jahvèh.
    Non fare il furbo dicendo che il termine “omosessualità” non esisteva anticamente; sìi onesto.
    Ho letto in questa sede che addirittura l’amore di nuora e vedova giovanne di Ruth verso Noemì donna anziana e in amarezza per la morte del figlio viene interpretato come amor omosessuale.
    L’omosessuale deve vedere per se stesso che quests buggie sono eclosione del ventre dell’Ingannatore, del Nemico. Chi sostiene e predica queste “verità” è un suo servitore.

    In Gesù c’è la potenza per vincere ogni peccato, ogni dolore, ogni bisogno di purezza e di accettazione profonda. Non è dicendo che va bene che le situazione si radrizzano. La nostra unica vita in questo corpo deve essere visuta in vittoria. Dobbiamo poter essere felici ora, qui. In Gesù è possibile. Basta dirgli: Non posso; Non voglio nemmeno, ma ho bisogno di felicità, aiutami, dammi la tua vittoria. Ecco.

  22. esther espinoza ha detto:

    Un saluto a Delphy il furbo,
    Furbo e “ignorante”
    Prima della venuta di Gesù c’era bisogno di disfarsi di ogni impurità perchè non c’era la possibilità di una conversione. Gesù con la sua venuta salvifica, trasformo questo bisogno perchè in lui c’è la potenza della trasformazione.
    Solo lui poteva attuare la fine delle sentenze di morte. Però prima della sua venuta era necessario infatti è stato lui che è la Parola, a ordinare quelle leggi che viene citata anacronisticamente.
    Non c’è più bisogno di ammazare. C’è però tuttora bisogno di non attuare contro quelle stesse leggi. Dopo di lui le oportunità si sono allungate e il sole spunta su tutti ed è lui che decide fino a quando. La sua pazienza è grande.

    Bisogna capire anche che le leggi cerimoniale e non altre sono quelle che sono state eliminate alla sua morte in modo “urlato” con la rotura del velo del Luogo Santissimo.

    Non lasciamo che ci venga derubata non soltanto la pace e la felicità in questo corpo ma neanche la felicità futura, amatissimi di Gesù;omosessuali fattevi furbi!!! studiate da soli lasciate questo maestri che pensano di avere la verità in tasca. La verità stà tutta nella Bibbia non lasciatevela derubare!
    La parola dell’Eterno è immutabile, è vero; infatti i rituali erano uno specchio del sacrificio futuro di Gesù, ricordo che doveva essere perpetuato fino ai tempi, dagli ebrei. La parola dunque non è mutata. Si è adempiuta.
    La parola dell’Eterno è immutabile e permane in eterno. Infatti uomo e donna li creo e dovevano fare sesso tra di loro. Non c’è posto per l’omosessualità dalla Genesi fino all’Apocalissi.

  23. Fabio ha detto:

    Cara esther espinoza, grazie per i tuoi spunti di riflessione. Solo una domanda. Se tu fossi lesbica, cosa faresti? Ti sposeresti lo stesso con un uomo?

  24. Nico ha detto:

    Levitico 18:22 “Non giacere con un maschio come si fa con una donna”.
    Nel passo di Pietro e cornelio non c’è nessuna allusione omosessuale, e nemmeno in Filippo e l’eunuco etiope.
    Gli eunuchi non sono omosessuali, sono i castrati, cosa diversa.
    Poi certamente siamo tutti liberi, purtroppo, di dire la nostra, anche che Stalin era un angioletto forse più di Gandhi!

  25. Fabio ha detto:

    concordo

  26. dottor ci ha detto:

    vorrei commentare solo un passaggio della pagina che ho appena letto
    che trovo interessante ma sicuramente da approfondire..
    per esempio la parabola della donna che perde una moneta non c entra niente con i gay e le lesbiche in quanto li Gesù risponde e si riferisce alla descrizione del Regno di Dio…ed è analoga a quella
    del contadino che trova un tesoro nel suo campo lo prende e corre a nasconderlo…Ma è inteso ed è esplicitamente riferito al Regno di Dio ..Io sono una persona laica ma credente e sono daccordo sul fatto che i gay sono figli di Dio e che Dio ci ama di un amore universale ..ma non travisiamo le parabole..non è questo il modo per aiutare i gay e le lesbiche che comunque sono persone che amano
    e che soffrono un bigottismo dovuto fors anche alla dottrina della Chiesa..ma ciò che arriva a chi crede in Dio ,un Dio fatto d amore ,e, non discrimina affatto l omosessualità, è l esigenza di cercare un cambiamento di accoglienza nella religione nella chiesa
    Papa Giovanni Paolo Secondo disse ( spalancate le porte a Cristo)
    iniziamo a farlo tutti accogliendo i più deboli e i perseguitati
    perchè la chiesa siamo noi e la società siamo noi..

  27. dottor ci ha detto:

    rispondo ad alcune di queste persone che hanno lasciato commenti..Ho letto tutti i post e francamente ciò che viene fuori è una presunzione di tutte quelle persone che ritengono di essere detentori della verità..che parlano di religione come fosse una cosa loro a numero chiuso..una cosa che dovreste imparare dalla religione è Il RISPETTO e l AMORE PER TUTTI ..VERGOGNATEVI DI PARLARE DI DIO COME SE FOSSE SOLO PER VOI…PERSONE NORMALI..SARETE GIUDICATE CON LO STESSO METRO…MA L UMILTA’ LA CONOSCETE??SAPETE QUAL E’ IL SUO SIGNIFICATO? VERGOGNATEVI DAVANTI A DIO E DAVANTI ALLE PERSONE…MA VERGOGNATEVI SOPRATTUTTO DAVANTI A VOI STESSI!!!

  28. Gaia ha detto:

    Sono d’accordo sul fatto che non bisogna assolutamente danneggiare e tanto meno mancare di rispetto a persone di orientamento sessuale diverso dagli etero, Cristo stesso è morto per dei peccatori ed è inutile fare distinzioni, tanto siamo tutti sulla stessa barca. Non c’è neppure un giusto su questa terra e anche su questo fatto la Parola è più che chiara. Quello che fa la differena è la conversione, come riconoscimento della propria condizione di peccatori.

    C’è anche da dire però che non è proprio vero che nella Bibbia si tolleri l’omosessualità e in Romani ci sono dei versetti molto chiari in merito.
    Questo però non significa che i credenti bigotti debbano mettersi là a lanciare giudizi e mettere il dito nella piaga.
    Le cose basta dirle una volta, poi sta alla personale coscienza delle persone attribuire a Dio le parole che effettivamente dice.
    Personalmente dunque devo dire la verità non condivido certe scelte, però questo non significa mostrare ostilità verso delle persone.
    Due anni fa avevo una mia compagna di classe omosessuale e devo dire la verità dopo mesi di scuola insieme ci parlavi che neanche ci facevi caso a questa sua “diversità”.
    Però di fatto non condividevo la sua scelta, come con condivido quella di un ateo che dice che Dio non esiste, ma come il cattolico che prega la Madonna, quando è chiaro anche lì che ad un certo punto si tratta di idolatria.
    Non pretendete che tutti siano d’accordo con le vostre scelte, ma il rispetto quello sì, assolutamente.

  29. Lucia ha detto:

    E’ incredibile vedere cosa la gente si inventi pr giustificare ciò che fa….nella Bibbia non ci sono storie di lesbiche o gay…se qualcosa viene interpretato dai maliziosi a modo loro è perché si sta parlando di un tempo lontanissimo e di usi molto diversi da quelli nostri oggigiorno …allora non c’era la malizia di oggi…è x questo che oggi la gnete si inventa storie del tipo che Gesù o le donne della Bibbia erano Gay…se davvero leggeste come si deve la Bibbia scoproreste che nulla è come dite voi…l’omosessualità è frutto del peccato dell’uomo…è nata dal’ostinatezza dell’uomo a ribellarsi a Dio e Lui non accetta questo…è anche vero che Dio odia il peccato ma ama il peccatore..per questo chi si pente del proprio peccato Dio lo libera…ho sentito storie de molti gay liberati da Dio che poi hanno avuto una vita normalissima…tutto sta nel riconoscere che l’uomo è peccatore…liberissimi di credere in questo o no…Dio non ci obbliga a credere in Lui…ma ricordiamoci che possiamo crederci o meno…ma un giorno sempre davanti a Lui dovremo comparire quindi se scegliamo di vivere la nostra eternità lontani da Lui…liberissimi di fare ciò…ma almeno non diffondiamo scemenze x internet!!

  30. overboost ha detto:

    Salve…
    ho scoperto questo articolo ricercando l’argomento “gay nella bibbia”. Quello che posso dire è che fa tanto piacere leggere questi scritti che distendono l’anima…
    ma c’è un ma: in alcuni punti della Bibbia si condanna apertamente l’omosessualità e non mi riferisco esclusivamente al famoso Levitico nell’Antico Testamento (famoso in questo senso) ma anche nel Nuovo Testamento si fa ampio castigo…

    1 Corinzi 6,9-10: “ Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il Regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti…erediteranno il regno di Dio”.

    1 Timoteo 1,9-10: “La legge non è fatta per il giusto, ma per…i fornicatori, i pervertiti, i trafficanti di uomini, i falsi, gli spergiuri e per ogni altra cosa che è contraria alla sana dottrina”.

    Romani 1, 18-32: “…Dio li ha abbandonati a passioni infami: le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura: egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con le donne, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento”

    Ora mi chiedo… chi ha ragione?

  31. Giovanni Mantovani ha detto:

    Il Dio Sole ci protegga

  32. click here ha detto:

    I do not even know how I ended up right here, but I thought this submit used to be great. I do not know who you might be however certainly you’re going to a well-known blogger if you aren’t already. Cheers!

  33. Anonimo ha detto:

    Scusate ma se ne può discutere all’infinito se non ci si ferma a riflettere chi ha scritto la Bibbia e i vangeli, gesù o gli uomini suoi seguaci? a me risulta che li hanno scritti gli unomini, nè Dio, nè Gesù. E poi chi sa spiegare la storia di Adamo ed Eva che ebbero due gilgi Caino ed Abele, con chi si sposarono e prolificarono, tra di loro o con Eva? Nella bibbia e nei vangeli non c’è scritto niente ma solo che Dio creò Adamo ed Eva e poi………………non parlano più di nessuno, ma llora è incesto? Riflettete e non ergetevi a grandi maestri e filosofi, perchè nessuno di noi sà veramente come andarono le cose perchè nessuno di noi era presente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...